GOCCE DI LUCE CASA DEL SOLE

LAMBRUSCO IV MAGGIO IGT

“Meno si lavora il vino, più sensazioni si riescono a mettere in bottiglia”.

Giuseppe

QUALITA’ ORGANOLETTICHE

linea_separatore

Il nostro Lambrusco IV Maggio è un vino rosso frizzante secco ad Indicazione Geografica Garantita.
E’ ottenuto solo da uve Picol Ross, vitigno autoctono quasi estinto della zona di Montecchio Emilia.

Colore:

rosso con riflessi porpora.

Profumi:

vinoso, fruttato con sentori di piccolo frutti rossi (mora e lamponi), leggermente speziato.

Corpo del vino:

fresco, sapido e di buona acidità, con una buona persistenza.

Conservazione:

luogo fresco al riparo dalla luce; servire ad una temperatura di 14 °C.

PROPRIETA’

linea_separatore

Picol Ross rappresenta una qualità di Lambrusco reggiano quasi scomparsa, secondo alcuni parente del Peduncolo Rosso friulano, una qualità che noi di Tenuta Casa del Sole abbiamo deciso di valorizzare e tutelare, perché abbiamo a cuore la biodiversità agricola.

È una vite selvatica con grappoli molto resistenti, regolari ma non grandi, facili da lavorare e con foglie frastagliate.

Il vino ottenuto da questa antica varietà si caratterizza al naso con nitidi sentori di more e lamponi, con sfumature vinose e una deliziosa complessità aromatica.

In bocca si conferma un Lambrusco equilibrato, capace di intrecciare bevibilità ed eleganza, grazie ad una freschezza ben calibrata e mai ruffiana.

ABBINAMENTI GASTRONOMICI

linea_separatore

Il Lambrusco rappresenta, per eccellenza, l’abbinamento ideale con la tipicità della cucina grassa e saporita dell’Emilia Romagna, ed italiana in generale.

In tavola per noi emiliani è insostituibile. La maggior parte delle paste ripiene, in brodo o meno, e le paste della tradizione emiliano-romagnola devono per forza essere accompagnate da un buon calice di Lambrusco.

Si abbina quindi alla perfezione con i salumi tipici del nostro territorio, come il Prosciutto di Parma, il salame di Felino, la Spalla cotta di San Secondo; con primi piatti come i cappelletti in brodo o i tortelli di erbetta; o come secondi piatti come i bolliti misti, il cotechino o lo zampone.